Don Daniele

Omelie Audio

Catechesi Audio e Video

Riflessioni e Omelie Scritte

S. Messa presieduta a Medjugorje

Novena Natività B. V. Maria

S. Messa Santo Sepolcro

   

Triduo della Divina Provvidenza

 

Rosario

Aderisci alla Preghiera

Monastero Virtuale Home

Testimonianze

Monastero Virtuale Home

Download Depliant

Monastero Virtuale Home

Dati Riepilogativi

Monastero Virtuale Home
Stampa

Rose Busingye Rose Busingye: «Preservativo contro l'Aids?

Non è la soluzione»


«La nostra salvezza non sta dentro un pezzo di plastica. Dobbiamo tornare a essere uomini veramente. Uomini che hanno dignità e hanno valore». Rose Busingye, infermiera ugandese, passa la sua vita ad accogliere e curare gli ammalati di Aids assieme all’ong italo-svizzera Avsi-Avaid al Meeting Point di Kampala, capitale dell’Uganda.

Per lottare oggi contro l’Aids ha ragione chi sostiene a spada tratta l’uso del preservativo?
Il preservativo non serve a nulla se non si cambia prima il metodo, la vita. Applicare uno strumento e non cambiare la vita non porta a niente. Sarebbe come dire: tu sei un animale, che agisce soltanto seguendo il suo istinto, non sei un uomo che può controllarsi. Per questo da noi, in Africa, oggi l’uso del preservativo è visto soltanto come ultima spiaggia. Dobbiamo chiederci che senso ha il sesso. Oggi è come se fosse la cosa più importante del mondo. È l’esaltazione di un idolo. Se voglio bene all’altro e so che il metodo che sto usando porta in sé un minimo di pericolo, allora non rischio. Il vero problema è educare la persona a comprendere che ha un valore più grande, di cui è responsabile. La questione vera è il riconoscere il valore di sé stessi.

Lei da anni lavora con i malati di Aids, li accoglie, li cura. Come reagiscono quando gli propone questo nuovo modo di guardare alla loro vita?
Io non è che "propongo" questo. Lo vivo, e loro lo vedono in me. Educare significa portare la persona a questa conoscenza di sé. E si conosce quello che si è camminando con qualcuno che è più grande. La mia non è una predica, è qualcosa che si vede vivendo. Facendo insieme questo cammino uno si rende conto che rispondere soltanto a un bisogno (come può essere il sesso) dimenticando la totalità della propria persona lascia insoddisfatti. Perché il cuore è desiderio di infinito.

L’Uganda, negli ultimi dieci anni, ha conosciuto una drastica diminuzione del numero di persone infette da Aids (dal 21% al 7%). Segno che questa educazione sta funzionando...
Questo nuovo modo di guardarsi in Uganda ha cambiato tutti. Perché quando qualcuno possiede una consistenza nessuno lo muove più. In Uganda abbiamo la fortuna di avere un presidente, Yoweri Museveni, che lo ha capito sin da subito. E ne sono molto orgogliosa. Non è un cattolico, eppure è tra coloro che tre anni fa, nella bufera nata dopo le dichiarazioni del Papa in occasione della sua visita in Africa, si è subito schierato dalla sua parte. Museveni ha da subito affermato che bisogna ritornare alle origini. Perché la nostra "salvezza" non è dentro un pezzo di plastica. Non ci salveremo grazie a un preservativo. Dobbiamo tornare a essere uomini veramente. Uomini che hanno dignità e che hanno valore. Attenzione: questo non è un discorso cattolico, perché questo valore non ce lo dà la religione, e nemmeno il Papa. Il Papa ce lo fa conoscere, ci educa a capire che siamo uomini che hanno un valore infinito. Rispondere al nostro istinto, ai nostri bisogni immediati, è troppo poco per la grandezza del nostro cuore.

Cosa manca a noi occidentali?
Il gusto per la bellezza, per il costruire cose belle, per il riconoscere la verità, che era una caratteristica della cultura europea (come è una caratteristica della tradizione dell’uomo). Oggi, però, voi europei lo state dimenticando, lo state perdendo. E lo state perdendo perché avete paura della fatica. Quello che vedo in voi è un continuo "copiare" cose inutili: la moda, ciò che la televisione dice, ciò che gli altri fanno. Invece dovreste "copiare" ciò che scoprite come corrispondente al vostro cuore. State perdendo la capacità di comprendere cosa è bello e cosa è vero per voi.


Gregorio Schira

Fonte: Avvenire.it

 

 

Aggiungi commento
  • Nessun commento trovato

Traduzione Sito

Libreria


Bibbia CEI

Login

Link Utili

  •  

  •  

  •  

News

 

 












  •  




  •  










  •  




  •  




  •