Don Daniele

Omelie Audio

Catechesi Audio e Video

Riflessioni e Omelie Scritte

S. Messa presieduta a Medjugorje

Novena Natività B. V. Maria

S. Messa Santo Sepolcro

   

Triduo della Divina Provvidenza

 

Rosario

Aderisci alla Preghiera

Monastero Virtuale Home

Testimonianze

Monastero Virtuale Home

Download Depliant

Monastero Virtuale Home

Dati Riepilogativi

Monastero Virtuale Home
Stampa

 

 

 

 


I Campi contrassegnati con (*) sono obbligatori



L'invio delle intenzioni, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy e la richiesta attraverso un messaggio email di conferma di iscrizione alla nostra Newsletter.

 

 

 

Stampa

 

Le 15 promesse di Maria SS. ai devoti del Rosario

 

1. A tutti coloro che recitano il mio Rosario prometto la mia specialissima protezione.


2. Chi persevera nella recita del mio Rosario, riceve grazie potentissime.


3. Il Rosario è un'arma potentissima contro l'inferno, distrugge i vizi, dissipa il peccato e abbatte le eresie.


4. Il Rosario fa rifiorire le virtù, le buone opere e ottiene alle anime le più abbondanti misericordie di Dio.


5. Chi confida in me, col Rosario, non sarà oppresso dalle avversità.


6. Chiunque recita devotamente il S. Rosario, con la meditazione dei Misteri, si converte se peccatore, cresce in grazia se giusto e sarà fatto degno della vita eterna.


7. I devoti del mio Rosario nell'ora della morte, non moriranno senza Sacramenti.


8. Coloro che recitano il mio Rosario troveranno, durante la loro vita e nell'ora della morte, la luce di Dio e la pienezza delle sue grazie e parteciperanno ai meriti dei beati in Paradiso.


9. Io libero ogni giorno dal Purgatorio le anime devote del mio Rosario.


10. I veri figli del mio Rosario godranno di una grande gioia in cielo.


11. Ciò che chiederai col Rosario, l'otterrai.


12. Coloro che propagano il mio Rosario saranno da me soccorsi in ogni loro necessità.


13. Io ho ottenuto da mio Figlio che tutti i devoti del Rosario abbiano per fratelli nella vita e nell'ora della morte i Santi del Cielo.


14. Coloro che reciteranno il mio Rosario fedelmente sono tutti figli miei amatissimi, fratelli e sorelle di Gesù.


15. La devozione del Santo Rosario è un grande segno di predestinazione.

 

Stampa

 

Le indulgenze concesse con il Rosario mariano

 

L’indulgenza è la remissione dinanzi a Dio della pena temporale per i peccati, già rimessi quanto alla colpa, che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per intervento della Chiesa, la quale, come ministra della redenzione, autoritativamente dispensa ed applica il tesoro delle soddisfazioni di Cristo e dei santi.

L’indulgenza è parziale o plenaria secondo che libera in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati.

Ogni fedele può lucrare per se stesso le indulgenze sia parziali che plenarie o applicarle ai defunti a modo di suffragio.

L’indulgenza plenaria  può essere acquistata una sola volta al giorno, salvo quanto è disposto al N. 18 per coloro che sono in punto di morte . L’indulgenza parziale invece può essere acquistata più volte al giorno, salvo esplicita indicazione in contrario.
Per acquistare l’indulgenza plenaria  è necessario eseguire l’opera indulgenziata e adempiere tre condizioni: confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. Si richiede inoltre che sia escluso qualsiasi affetto al peccato anche veniale. Se manca la piena disposizione o non sono poste le predette tre condizioni, l’indulgenza è solamente parziale, salvo quanto è prescritto al N. 11 per gli impediti .

 

Concessioni al Rosario mariano

 

Si concede l’indulgenza plenaria al fedele che:


1 - recita devotamente il Rosario mariano in chiesa od oratorio, oppure in famiglia, in una Comunità religiosa, in una associazione di fedeli e in modo generale quando più fedeli si riuniscono per un fine onesto;


2 - si unisce devotamente alla recita di questa preghiera, mentre viene fatta dal Sommo Pontefice, e trasmessa per mezzo della televisione o della radio.
Nelle altre circostanze invece l’indulgenza è parziale.
Il Rosario è una pratica di pietà nella quale alla recita di venti decadi di Ave, Maria, intercalate dal Padre nostro, si unisce rispettivamente la  pia meditazione di altrettanti misteri della nostra redenzione.
Per l’indulgenza plenaria annessa alla recita del Rosario mariano si stabiliscono queste norme:
a. È sufficiente la recita della sola quarta parte; ma le cinque decadi devono recitarsi senza interruzione;
b. Alla preghiera vocale si deve aggiungere la pia meditazione dei misteri;
c. Nella recita pubblica i misteri devono essere enunziati secondo l’approvata consuetudine vigente nel luogo; invece in quella privata è sufficiente che il fedele aggiunga alla preghiera vocale la meditazione dei misteri.

Stampa

     

 

 
 

 

Italiano

 

 

Stampa

 

 

   
 

 

 

Francese

 

 

 

Stampa

   

 

 
 

  Giapponese

 

 

Stampa

 

 

 

   
 

 

 

Inglese

 

Stampa

 

 

   
 

 

Polacco

 

 

Stampa

     

 

 

  Portoghese

 

 

Stampa

   

 

 
 

 

Russo

 

 

Traduzione Sito

Libreria


Bibbia CEI

Login

Link Utili

  •  

  •  

  •  

News

 

 




  •  









  •  




  •  




  •  













  •